Quattro volte campioni l’Italia non è riuscita a raggiungere la Coppa del Mondo

WC 2018

Quattro volte campioni l’Italia non è riuscita a raggiungere la Coppa del Mondo per la prima volta dal 1958 dopo una sconfitta per play-off contro la Svezia. Significa che gli Azzurri non saranno presenti alla competizione per la seconda volta nella loro storia dopo aver rifiutato di disputare il torneo inaugurale nel 1930.

Lo sciopero deviato del centrocampista Jakob Johansson nella prima manche ha fatto la differenza, in quanto la seconda manche dello stadio di San Siro a Milano si è conclusa con una battuta d’arresto.

La Svezia si è seduta a suo agio e, nonostante i padroni di casa godessero del 76% di possesso, non sono riusciti a trovare la svolta – la migliore occasione per l’Italia ha visto il portiere Robin Olsen palmare via sostituto Stephan El Shaarawy di saltare a volo in ritardo.

L’attaccante Ciro Immobile ha perso una serie di occasioni e il suo basso sforzo nel primo tempo è stato eliminato dal centrocampista Andreas Granqvist.

Il risultato vede la Svezia di Jan Andersson raggiungere la Coppa del Mondo per la prima volta dal 2006, quando erano nello stesso gruppo come l’Inghilterra.

La Svezia riduce l’Italia alle lacrime

Mentre l’Italia dominava la seconda tappa e aveva 20 tiri in porta, i loro sforzi irradiavano un crescente senso di disperazione.

La squadra di Giampiero Ventura non riesce ad aprire una decisa difesa svedese che siede in profondità e spesso ha una linea di sei difensori accampati nella propria area di rigore, allontanando ogni incrocio e set-piece nell’area di rigore.

In totale, gli svedesi hanno effettuato 56 operazioni di sgombero, più 19 intercettazioni.

Entrambe le squadre avrebbero potuto essere penalizzate: il primo Ludwig Augustinsson ha fatto cadere Marco Parolo con una sfida goffa, mentre il Matteo Darmian e il veterano della Juventus del Manchester United Andrea Barzagli hanno avuto la fortuna di scappare con le pallamano per l’Italia.

L’attaccante laziale Immobile, che in questa stagione ha 14 gol in porta, ha subito colpito la squadra da un angolo stretto e nel secondo tempo ha colpito per la prima volta con un tiro a distanza ravvicinata.

All’altra estremità, il portiere svedese Olsen ha salvato bene dai centrocampisti Jorginho e Alessandro Florenzi, che hanno anche battuto un acrobatico tiro al volo di larghezza ridotta.

Molti giocatori italiani sono scesi a terra al fischio a tempo pieno, con gli attaccanti Andrea Belotti e Immobile ridotti a lacrime, mentre gli svedesi sono scappati per festeggiare con entusiasmo la loro qualificazione per il torneo della prossima estate in Russia. Anche con il miglior bonus di scommesse, nessuno si sarebbe aspettato.

Fine di un’epoca in cui Buffon si inchina

Il quotidiano Gazzetta dello Sport ha descritto la perdita come simile all'”apocalisse” nel titolo del resoconto della partita.

Il capitano Gianluigi Buffon si è guadagnato il 175° posto in classifica per l’Italia e il 39enne portiere ha confermato la sua ultima presenza internazionale annunciando la decisione di ritirarsi dal calcio a fine stagione.

Il 18enne Gianluigi Donnarumma del Milan è in panchina e l’adolescente, che ha già quattro berretti, è in procinto di conquistare la maglia numero uno della prossima stagione, qualificandosi per il Campionato Europeo 2020.

Il vincitore della Coppa del Mondo Buffon, che era anche lacrimevole al fischio finale, ha detto: “Non mi dispiace per me ma per tutto il calcio italiano. Abbiamo fallito in qualcosa che significa anche qualcosa a livello sociale”.

Potrebbe anche essere la fine per l’allenatore Ventura. Il dirigente di 69 anni si sarebbe rifiutato di rilasciare un’intervista alla televisione dopo la partita.

Ha ricevuto molte critiche per la sua decisione di giocare un 4-2-4 contro la Spagna, quando il suo lato sono stati pesantemente battuti 3-0, e sarà ancora una volta chiesto perché ha rifiutato di giocare il Napoli Lorenzo Insigne, che ha sei gol già questa stagione per la sua squadra.

Ventura ha ottenuto un nuovo contratto fino al 2020 solo nel mese di agosto, ma l’associazione italiana di calcio potrebbe ora rivolgersi all’ex allenatore del Milan e della Juventus Carlo Ancelotti, che è disponibile dopo aver lasciato i campioni tedeschi Bayern Monaco.

Granqvist un taglio sopra il resto

L’ex difensore del Wigan Granqvist, che era l’uomo della partita nella prima tappa, ha messo in un’altra colossale performance nella parte posteriore per la Svezia.

Il 32enne disse: “Da parte mia, questa è la cosa più grande che mi è successa e per quelli di noi che sono più grandi questa è probabilmente l’ultima occasione per giocare a una Coppa del Mondo così avere successo in quelle circostanze è una gioia incredibile”.

Poco dopo la partita, lo skipper Granqvist è stato visto con un nuovo taglio di capelli a causa di una promessa fatta all’inizio della campagna di qualificazione.

Ha aggiunto: “Ho detto ai ragazzi dello spogliatoio che se fossimo arrivati ai Mondiali di calcio avrebbero potuto radersi. Pensavo che l’avessero dimenticata, ma John Guidetti e Victor Lindelof l’hanno rasata subito”. Per saperne di più sulle scommesse sul portale delle scommesse online Scommesse24.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *